Swiss premium oral careSwiss premium oral care

Seleziona il tuo paese Italia Italia
Per ordini superiori a 30€ spedizione gratuita
Consegna entro 1-3 giorni lavorativi
Pagamento sicuro con 3D Secure

La storia dello spazzolino e del lavaggio dei denti

Un tempo era diffusa la convinzione che i vermi dentali fossero la causa della carie e del mal di denti. Oggi ne sappiamo di più. E nel frattempo sono successe molte cose.

In questo articolo scoprirete, tra l'altro, perché in epoche passate si masticavano rami speciali, perché per molto tempo l'igiene dentale è stata riservata alle classi sociali più abbienti e perché la regina Elisabetta I, con i suoi denti marci neri come la pece, era considerata un modello estetico nel Regno Unito.

Ma partiamo dai primissimi albori dell'igiene dentale.

min read
Feb 2024
https://curaprox.it/blog/post/la-storia-dello-spazzolino-e-del-lavaggio-dei-denti
min read
Feb 2024
https://curaprox.it/blog/post/la-storia-dello-spazzolino-e-del-lavaggio-dei-denti

L'igiene dentale all'età della pietra

I risultati delle antiche analisi del tartaro indicano che anche gli uomini delle caverne pulivano gli spazi tra i denti con fibre vegetali. Tuttavia, la cura dei denti non era una priorità per i nostri primi antenati. Poiché la dieta dell'età della pietra non conteneva praticamente zuccheri, la carie era rara. Tuttavia, i nostri parenti pelosi non ne erano immuni: il più antico trattamento dentale registrato risale a circa 10.000 anni fa. Ciò è confermato da recenti ritrovamenti nella Valle dell'Indo, nell'attuale Pakistan e India.

La situazione è cambiata nel corso della storia dell'umanità: gli alimenti contenenti zucchero hanno guadagnato lentamente ma sempre più popolarità. Questo portò a un aumento delle carie che dovevano essere curate. Il termine "odontoiatria" viene menzionato per la prima volta in un testo scritto dai Sumeri, che vivevano nella Mesopotamia meridionale nel III millennio a.C.. Secondo il testo, i vermi dei denti erano ritenuti responsabili della carie. Questa idea è rimasta in vigore fino al XVII secolo. Tuttavia, la lotta contro i vermi era già in pieno svolgimento da molto tempo.

Quando si è iniziato a lavarsi i denti?

Nella stragrande maggioranza dei casi, il mal di denti è il risultato di una scarsa igiene dentale e può essere adeguatamente prevenuto lavando i denti in modo accurato e regolare.

Lavarsi i denti con gli antichi egizi e romani

La storia dello spazzolamento dei denti inizia nell'antico Egitto, circa 5.000 anni fa. I primi ad aver avuto l'idea di masticare i rami dell'albero di arak per pulire i denti. Questi rami speciali sono sfilacciati a un'estremità, creando uno strumento simile a uno spazzolino. Vengono tagliati e poi masticati fino a quando un'estremità non è così sfilacciata da assomigliare a una spazzola. I denti vengono poi spazzolati e i pezzi di legno che si staccano vengono sputati. Questi rametti per la pulizia dei denti contengono persino fluoro naturale.

Questi primi bastoncini da masticare contenevano quindi già una sorta di dentifricio naturale. In molti Paesi arabi e africani, questa forma naturale di cura dei denti - nota come "Siwak" o "Miswak" - è praticata ancora oggi.

Non erano solo gli antichi Egizi a porre l'accento sulla pulizia dei denti: l'igiene orale era importante anche per i Greci e i Romani. Questi ultimi utilizzavano principalmente polvere per denti, composta da vari ingredienti come carbone, ossa macinate e gusci d'ostrica schiacciati. Usavano anche quelli che probabilmente sono stati i primi stuzzicadenti della storia. Tuttavia, la conoscenza dei metodi più utili per la pulizia dei denti non era disponibile per tutte le culture. In gran parte del mondo, ad esempio, non era diffusa la masticazione di rametti per la pulizia dei denti, ma il risciacquo della bocca con acqua mescolata a varie sostanze come sale, aceto e - ironia della sorte - miele.  

Lavarsi i denti nel Medioevo

Durante il Medioevo (dal 500 al 1500 d.C.), la pratica di lavarsi i denti è diminuita. Mancava la comprensione dell'importanza dell'igiene orale. Inoltre, non c'era accesso ad ausili adeguati, come invece accadeva nelle epoche precedenti. Per la pulizia dei denti si usavano spesso le dita o semplici strumenti come stuzzicadenti o aculei affilati. Non c'è da stupirsi che questo abbia portato a una scarsa igiene dentale. Mal di denti e malattie gengivali erano quindi molto comuni in questo periodo.

Lavarsi i denti nel Rinascimento

Durante il Rinascimento, le persone cominciarono a comprendere il ruolo dell'igiene orale per la loro salute. Tuttavia, ci volle ancora del tempo prima che questa conoscenza si diffondesse in tutte le culture. Un sorriso bianco e brillante non era sempre segno di salute e prosperità. Al contrario:

All'epoca della regina Elisabetta I (1533-1603), in Gran Bretagna era considerato di moda farsi annerire i denti. Il motivo di questa tendenza era la predilezione della regina per i dolci molto zuccherati. In combinazione con le conoscenze molto limitate dell'epoca in materia di cure dentali e igiene orale, questo portò ad avere denti reali neri come il ghiaccio, che il popolo prese come modello estetico per un po' di tempo. Se aveste viaggiato per l'isola all'inizio del XVII secolo, avreste visto bocche piene di denti scuri che vi sorridevano.

L'invenzione dello spazzolino da denti

Si pensa che il primo spazzolino manuale con setole sia stato inventato in Cina nel 1498: Da quel momento in poi, le persone si sono lavate i denti con l'aiuto di setole di cinghiale attaccate al bambù. Tuttavia, si trattava solo di un presunto miglioramento dei metodi utilizzati fino a quel momento, poiché presentava una serie di svantaggi:

Da un lato, il bambù diventa relativamente morbido non appena entra in contatto con l'umidità, dall'altro le setole di cinghiale sono piuttosto dure. Anche se questo rendeva i denti un po' più puliti, sia loro che le gengive soffrivano a causa delle setole ruvide durante il processo di spazzolamento.

Nei secoli successivi vennero quindi condotti esperimenti con peli di animali e materiali diversi per il manico, come l'osso e il metallo. Alla fine furono utilizzate le setole di crine di cavallo. Tuttavia, essendo queste ultime cave all'interno, potevano raccogliere i batteri, il che riduceva notevolmente l'utilità di questi spazzolini per l'igiene dentale.

Quando è stato inventato il moderno spazzolino da denti?

L'invenzione del nylon negli anni '50 ha aperto la strada allo spazzolino moderno. I morbidi spazzolini realizzati con questo materiale erano molto più delicati per le gengive e i denti. Fino a quel momento, l'uso di spazzolini pratici e di alta qualità era diffuso soprattutto tra i ricchi ceti sociali, poiché non erano esattamente a buon mercato. Tuttavia, grazie alla scoperta e alla produzione industriale del nylon, anche le masse hanno potuto beneficiare delle conquiste della moderna igiene dentale. Le setole di nylon sono ancora oggi utilizzate nelle testine degli spazzolini.

Quando è stato inventato lo spazzolino elettrico?

Il primo spazzolino elettrico fu inventato nel 1939 da un dentista californiano, il dottor Scott McGuire. Il suo spazzolino elettrico, chiamato Broxodent, rese più facile la pulizia dei denti in modo efficace e semplice. Il Broxodent puliva i denti con una testina rotante azionata da un piccolo motore elettrico.

Tuttavia, gli spazzolini elettrici sono diventati popolari solo negli anni '60, quando sono stati prodotti e commercializzati in serie. Nei decenni successivi alla loro invenzione, sono maturati enormemente in termini di funzionalità e design.

L'invenzione del dentifricio

Come nel caso dello spazzolino, il dentifricio moderno non è stato inventato da una sola persona. Il suo sviluppo è stato piuttosto un lungo processo che ha comportato numerose innovazioni e miglioramenti nel tempo.

Come già accennato, i nostri antenati delle epoche passate utilizzavano diverse sostanze per mantenere la bocca igienica. Non tutte soddisfacevano il loro scopo: oltre ai già citati collutori a base di acqua mescolata con sale, aceto e miele, per l'igiene dentale si usavano anche paste a base di gusci d'uovo macinati e pietra pomice.  

Una prima forma di sbiancamento risale addirittura agli antichi Romani, che utilizzavano urina umana e ossa frantumate per dare ai denti una lucentezza brillante. Queste tecniche sono state sempre più integrate fino al XVIII secolo, con l'aggiunta di carbone in polvere o carbonato di sodio per ottenere un effetto schiumogeno.

A partire dalla metà del XIX secolo, le persone utilizzarono sempre più spesso blocchi di sapone per la pulizia dei denti. Per contrastare lo sgradevole sapore del sapone venivano aggiunti menta piperita, mentolo, miele e zucchero. Chi soffriva di mal di denti ricorreva, tra l'altro, alla cocaina per attenuare il dolore. C'era quindi ancora molta strada da fare prima di arrivare al dentifricio come lo conosciamo oggi.

Da quanto tempo esiste il dentifricio moderno?

Dopo numerose variazioni, nel XIX secolo un inglese di nome Washington Sheffield inventò finalmente una prima forma di dentifricio come lo conosciamo oggi. Il suo colpo di genio fu l'uso della glicerina, con la quale riuscì per la prima volta a trasformare la polvere del dentifricio in una pasta ragionevolmente appetibile, impedendo al contempo che si seccasse. Nel XX secolo le ricette dei dentifrici sono state gradualmente migliorate. Il fluoruro, un minerale che previene la carie (e che era già presente nel già citato albero di arak), fu aggiunto al dentifricio e all'acqua in molti Paesi.

Quando è arrivato sul mercato il primo dentifricio?

Nel 1956, negli Stati Uniti, fu prodotto e venduto il primo dentifricio al fluoro (contenente fluoruro stannoso) per il mercato di massa. Inizialmente ancora in contenitori di vetro, successivamente nel familiare tubetto di dentifricio - prima sotto forma di tubetti di alluminio, poi, dalla metà del XX secolo, in tubetti di plastica.

L'invenzione del filo interdentale

Il filo interdentale fu inventato nel XIX secolo da Levi Spear Parmly, un dentista di New Orleans. Parmly raccomandava ai suoi pazienti di usare il filo interdentale per pulire gli spazi tra i denti e per prevenire in modo profilattico la formazione di carie e tartaro prima ancora che inizi.

Inizialmente il filo interdentale era realizzato in cotone e in genere non era particolarmente resistente. Nel corso degli anni, tuttavia, sono stati sviluppati materiali migliori, più facili da usare e più durevoli.

La pulizia interdentale sta prendendo piede

Oggi esistono molti tipi diversi di filo interdentale, realizzati con materiali diversi e disponibili in diverse resistenze e spessori. Il filo interdentale è utilizzato in tutto il mondo per rimuovere placca e tartaro e per pulire gli spazi tra i denti. Un'alternativa popolare al filo interdentale sono i bastoncini dentali rivestiti di fluoro, pratici per gli spazi interdentali più ampi.

Pulizia interdentale ottimale grazie agli scovolini interdentali

Tuttavia, il modo migliore per pulire le aree difficili da raggiungere, come gli spazi interdentali, è utilizzare gli scovolini interdentali. Di solito sono costituiti da una testina corta e cilindrica attaccata a un supporto di plastica. Secondo alcuni studi, gli scovolini interdentali rimuovono più placca dopo lo spazzolamento tradizionale rispetto al filo interdentale. Se gli spazi interdentali sono sufficientemente ampi per essere puliti con uno scovolino interdentale, questi devono avere il diametro corretto. Sono quindi disponibili in vari spessori e forme, ad esempio come scovolini o spazzole per bottiglie. Si consiglia di cambiarli ogni quattro settimane.

LEGGI TUTTO: PULIRE CORRETTAMENTE GLI SPAZI INTERDENTALI

https://curaprox.it/blog/post/la-storia-dello-spazzolino-e-del-lavaggio-dei-denti